Pagine

venerdì 8 giugno 2012

chez munita 2.0 .. io, aspirante crazy chef all'Ifse Culinary Institute..




Un mese è già trascorso..
La mia vita è totalmente cambiata.
Non vivo più in Sicilia.
Questo basterebbe per esprimere tutte le difficoltà per chi è costretto a lasciare la propria terra "maledetta" per cercare di trovare qualcosa.. per cercare di trovare se stesso, lavorativamente parlando, ma non solo.

Da un mese vivo in un paesino a non troppa distanza da Torino, Piobesi Torinese, un paesino molto piccolo della vasta pianura piemontese, senza mare, senza il mio mare..e nonostante anche qui splenda il sole, non è il mio Sole..


Casa mia
Piobesi Torinese


L'unica cosa che oggi ancora mi spinge ad avere il coraggio di fare, andare, cercare, trovare è la passione per la cucina, l'amore per i fornelli - che oggi si chiamano "induzione" - l'amore per il gusto, per la trasformazione di una semplice materia prima in "arte" per il palato..

E questa passione giorno per giorno la trasformo - non senza difficoltà - in esperienza e professionalità all'Ifse, una scuola di alta cucina e food design, che si trova proprio a Piobesi torinese.



Ifse


Qui la vita è scandita dalle campane di una chiesetta che si trova di fronte la finestrella della mia mansarda, una mansarda molto piccola, molto minimalista, luminosa ma estremamente povera, che accudisco come la più cara delle dimore..






la mia mansarda

La mia giornata invece la trascorro seguendo le lezioni della scuola di cucina; una scuola che si trova dentro un castelletto di colore rosa salmone, dentro un piccolo parco labirintico, verdissimo e silenzioso.


il parco dell'ifse

La vita in una cucina non è la vita che una blogger solitamente trascorre nella propria cucina, la vita "vera" in cucina, nella cucina di un ristorante, è più ritmica, più severa, più difficile di quanto uno possa immaginare.

Le lezioni trascorrono ad un ritmo serrato, con una pausa pranzo molto breve.
Si mangia poi un caffè e poi si ritorna a lezione, e dopo la lezione - ma manche durante le lezioni - tutto deve essere sempre ordinato, pulito, organizzato, "in quadro", come dicono qui.
I miei executive chef sono Sir Piero Rainone e Sir Riccardo Marello.
Due chef molto bravi, professionali, ma profondamente diversi.
Caratterialmente molto differenti. Ma la loro diversità caratteriale non mina minimamente la loro bravura e la loro capacità di insegnare.
da sinista: Chef Piero Rainone - Chef Riccardo Marello - Chef Riccardo Ferrero (Rist. Il Cambio, Torino)

Chi pretende di stare in cucina o di cominciare questo mestiere con la presunzione di sapere è bene che lasci la speranza di riuscire un giorno ad essere un vero chef fuori dalla porta..
Umiltà, parola d'ordine per iniziare questo meraviglioso lavoro.
Sete e fame di conoscenza, ovviamente, ma principalmente umiltà e la consapevolezza che la gavetta è il primo gradino, il primo mattoncino per, forse, un giorno diventare professionisti..

In cucina non c'è mai il tempo per fermarsi, è sempre tardi, sin dal primo momento in cui si entra..sin dalla mattina, dalla preparazione delle mise en place, è già tardi..


Dagli antipasti, ai finger food, ai primi ai secondi, alla pasticceria, alla panificazione.. correre correre correre..

Il corso all'Ifse si divide in tre fasi:

La prima fase è propedeutica, la seconda è un pò più formativa, la terza è un advanced, ma tre mesi per imparare sono pochi, pertanto non ci si può distrarre..

Così via con i tagli: julienne, brunoise, chiffonade..
E poi bisogna perfettamente soffriggere la cipolla..
E mantecare il risotto..
E sfilettare il pesce..
e cuocere la carne..

E scoprire l'abbattiore, e il sottovuoto..
L'affumcatore e l'essiccatrice..
E poi c'è il pacojet per i gelati o i sorbetti o le "terre"..

Bisogna sapere regolare il sale, gli aromi, le spezie..
Equilibrio al piatto per un equilibrio in bocca..
E credetemi l'equilibrio in bocca, quando sono due chef che giudicano severamente i nostri piatti non è così scontato nè facile da raggiungere..
E non dimenticare di impiattare col piatto caldo e senza "impronte" !!!
Eccetera Eccetera Eccetera..

Non posso dire tutto in un articolo, ma posso solo scrivere che c'è poco da dire se non che è la mia vita..

E allora la forza di stare ogni giorno lontana dalla mia terra, dai miei cari, dal mio mare, io la ricevo dai piatti che faccio, dalle cose imparo, dalle lezioni dei miei chef, dalla loro passione che è anche la mia..
Grazie alla loro severità io capisco giorno per giorno che è tutto quello che voglio fare, che vorrei fare, e che magari un giorno io potrei essere come loro..

Allora la fatica di stare in piedi per 10-12 ore, correndo tra olio caldo, forno bollente, coltelli affilati, cipolla bruciata e risotti non mantecati abbastanza, svanisce..quando a poco a poco i piatti cambiano, arrivano gli apprezzamenti, quando senti che stai imparando, che stai crescendo, e anche se la strada è lunga, lontana e faticosa,  e anche se vivi in un paesino nel nulla, anche se fai il bucato a mano, se torni morta da lavoro e vorresti solo dormire..sei felice perchè stai facendo l'unica cosa che ti fa sentire viva e felice..

Certo il Piemonte è lontano e la domenica è il giorno della nostalgia..
La domenica giù in Sicilia si riuniscono tutti a casa mia, io invece mi riposo un pò qui, perché il lunedì è già lavoro, il lunedi è già tardi.. come per il coniglio bianco di Alice..
Però il lunedi si ritorna ad imparare e lentamente tutti i pensieri si affievoliscono, lentamente..

L'Ifse in fondo è una piccola famiglia, dal direttore Raffaele alla responsabile Rosanna, a Giovanna - la responsabile delle pulizie e dei macelli che "combiniamo in cucina", all'Ifse ti senti a casa..
Una casa molto particolare, perché i ragazzi che seguono i master provengono da tutto il mondo, e allora ci si ritrova a parlare italiano e un attimo dopo americano e ancora subito spagnolo.. e poi magari io inserisco il siciliano e tutto diventa multi-culturale, formativo ma estremamente divertente..

Le foto che seguiranno sono solo un piccolo assaggio, puramente visivo, delle meraviglie che qui si mangiano, si assaggiano, si assaporano..
E' passato solo un mese, la mia terra mi manca, ma io, pittrice ai fornelli, ho trovato la mia strada..e adesso è necessario solo tanto coraggio, tanto coraggio e determinazione.



























... un piccolo tributo al paesaggio nuovo che mi accompagna durante le mie corse settimanali, in cui mi rilasso un pò dopo ore in cucina, e dopo ore di assaggi infiniti, assaggi di sapori e gusti mai provati sin ora..








21 commenti:

  1. Valentina..l'ho letto tutto d'un fiato e non vedo l'ora di leggere il seguito. Sarà una bellissima esperienza, breve ma intensa e in crescendo..Le premesse la dicono lunga....Quindi avanti tutta..Un bacio Ale.

    RispondiElimina
  2. cucì nn ti fai sentire..ma ti seguo..relax ur mind..ma nn ti scordare ke anche l'osteria ha il suo fascino..anche la non forma e il caos danno piacere. Seguo la tua passione, segui le regole ma non dimenticare che la semplicità vince :D

    RispondiElimina
  3. Esperienza meravigliosa Vale! Pensa a quando tornerai nella tua Sicilia e al tuo mare. Baci, baci!

    RispondiElimina
  4. che bella avventura Valentina! tieni duro. baci
    M.

    RispondiElimina
  5. lasciare la propria casa per seguire la passione. Hai avuto fegato. E presto verrai ripagata. Tieni fuso e diventerai una star!

    RispondiElimina
  6. Brava Vali!!!E' vero questa deve essere la tua strada. I piatti sono stupendi.....e con un poco di commozione ho letto senza respiro il tuo articolo. La tua vita, la tua nuova vita.......
    Buona fortuna per tutto. Davvero pittrice ai fornelli, amica mia.
    MARZIA

    RispondiElimina
  7. Leggi questa lunga pagina e pensi che, anche se forse non la davi a vedere, dentro di te, nei mesi scorsi, stava esplodendo questa voglia di imparare e di conoscere un mondo nuovo, di alimentare una passione che hai semrpe avuto, ma che adesso diventa ogni giorno che passa reale e sempre più completa e ricca. Ti ammiro molto. La tua stanchezza sarà ripagata! Forza e coraggio!

    DODO'

    RispondiElimina
  8. trova te stessa.....mi fai veniri pitittu e nostalgia!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Ah....sono Luca!!!!!

    RispondiElimina
  10. Vale ho scritto un commento stamattina ma non c'è più!!.......ti dicevo che sono davvero contenta di leggere questo post! Sono contenta che tu abbia le idee così chiare su quello che vuoi fare, perché troppe persone ancora non sana quale sia la propria passione, nemmeno alla mia età! E se anche lo sanno, magari non riescono a percorrere quella strada. Perciò Vale, tieni duro, perché la tua terra la riavrai e ci tornerai con un bagaglio e un'esperienza preziosissimi. Noi siamo tutti qui a tifare per te!! Un abbraccione!

    RispondiElimina
  11. a quanto ci hai raccontato e fatto vedere sei davvero sulla buona strada, tanti auguri Valentina

    RispondiElimina
  12. Brava! Invidio molto tutti quei piattini da assaggiare! attendiamo meravigliose ricette da vera chef!

    RispondiElimina
  13. memento audere semper!
    Una verace Siciliana.
    Un sincero augurio :)

    RispondiElimina
  14. Complimenti per la scelta coraggiosa e... posso dirti che ti invidio? Che bello! Davvero è una bellissima esperienza, poi ci racconti tutto? Intanto bellissime le foto! ciao

    RispondiElimina
  15. un momento, sei a piobesi e non lo dici!?
    ma 'nzomma!
    fai IFSE e non vuoi venire a Alba, che crede di essere la capitale dell'universo mondo dell'enogastronomia?!?!?
    scemunì facite a baligg'

    RispondiElimina
  16. che bello! anche a me piacerebbe seguire un corso di cucina! brava! un bacione :D

    RispondiElimina
  17. la tua espressione dice molto :) sembra però una bellissima avventura tutta ancora da scoprire: in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  18. Che bella pagina! Intensa , personale, coinvolgente.
    La passione per questo mestiere è davvero tutto, io lo faccio da 30 anni (....così ti ho dato un indizio per capire che sono stagionata più di un formaggio prezioso) e ancora sono continuamente sorpresa, da nuove tecniche, nuovi strumenti, nuovi percorsi e persone incontrate, insomma.....da tutto!
    Bravissima, tornerai al tuo mare più "ricca" e forte.....grandi passi avanti e grandi momenti!!!:))
    Un saluto

    Fabiana

    RispondiElimina
  19. brava valentina, brava davvero! complimenti e tanti auguri in questa nuova avventura :)x

    RispondiElimina
  20. Tu non ti ricordi di me, ma io mi ricordo di te, e, anche se non ho più il blog di cucina (non ero mica brava come te) ogni tanto vengo a fare un salto da te. Tra Siciliani ci si intende... Sono felicissima della scelta che hai fatto. Io sono con te!

    RispondiElimina

commenta pure

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...