Pagine

venerdì 31 dicembre 2010

Come together: La cassata al forno.


Durante la lettura della ricetta, siete pregati di ascoltare il brano
Grazie e Auguri di Buon Anno..



Questa volta la prima immagine di presentazione non è la foto della ricetta.
Questa volta non voglio spiegare nè storia, nè tradizioni, nè antiche maestranze.
Questa volta si canta, si balla, si mangia, si gode.
Perchè questo brano?
Leggete il titolo. Traducetelo come vi pare, se vi pare.
Sarete voi i protagonisti di questa ricetta. 
Ma per farlo, dovrete prepararla e mangiarla.
Altrimenti vi siete persi un erotico incontro del gusto.

il mio omaggio alla mia amica cristina



Cosa vi serve per realizzarla ?

I macro ingredienti
frolla;
pan di spagna;
ricotta fresca;
gocce di cioccolato fondente;


Ingredienti e Procedimento per la Frolla - ( Per una cassata al forno da 2 kg )

gr    500 di farina 00 per dolci non panificabile ( basso indice di forza W);
gr   170 di burro ( a temp. ambiente );
gr  170 di zucchero;
gr  4 di ammoniaca per dolci;
n.  1 uovo + latte ( il totale non deve raggiungere i 100 gr );
1/2 cucchiaino di miele di agrumi.
granella di agrumi ( facoltativo )
n. 1 cucchiaio di moscato ( facoltativo)

Lavorare il burro con lo zucchero. 
Unirvi il latte e l'uovo precedentemente sbattuto. 
Incorporare la farina e l'ammoniaca lentamente e lavorare brevemente per formare la frolla e datele la forma di una palla.
Coprite con pellicola e lasciar riposare per 1 ora, almeno.


 
Ingredienti e procedimento per il pds senza lievito. ( Q.tà necessarie per la ricetta )

n.   2 uova;
gr  100 di zucchero;
gr. 100 di farina 00 ( basso indice di forza W ) 

Montare le uova con lo zucchero per 20 min. 
Unirvi, successivamente, la farina setacciata, in due riprese. 
Cuocere in forno per 30 min. a 180 gradi.



Ingredienti e procedimento per la crema di ricotta.


gr.   750 di ricotta di pecora ( posta a scolare dal siero per 12-24 ore );
gr.  250 di zucchero semolato;
gr.  50 di gocce di cioccolato fondente ( al 60 % )

Lavorate la ricotta e lo zucchero con una forchetta, affinchè i due composti siano omogenei.
Setacciate la crema ottenuta e unite le gocce di ciocccolato.



Ora?

Munutevi di uno stampo in acciaio, come quello necessario per la pastiera napoletana.
In estrema alternativa, utilizzate una teglia rotonda dai bordi bassi, in modo che poi possiate capovolgerla e che poi la cassata non risulti una torta troppo alta.

L'ideale sarebbe che per il risultato finale la cassata abbia una base leggermente più larga.




Componiamo la Cassata al forno:

Imburriamo lo stampo e spolverizziamo con la farina.
Stendiamo 3/4 di frolla, tanto quanto necessita lo stampo o la teglia.
Foderiamo completamente lo stampo con la frolla in modo che anche i bordi siano coperti.

Sbricioliamo il pds e cospargiamolo sulla frolla, anche sui bordi laterali, in modo tale che in cottura assorba l'umidità della ricotta e non ammorbidisca la frolla.
Cerchiamo di farli aderire bene, senza però schiacciare la frolla.

Versiamo la crema di ricotta fino al margine superiore.
Con l'utimo quarto di frolla, stendiamo una base per poter coprire la cassata.
Serrate bene i bordi e bucate infine la superficie con uno stuzzicadenti così che si crei una camera di sfiato e la ricotta non cucini eccessivamente, ma prenda aria.

In forno per 30 min. 220 gradi. 


Spolverate con zucchero a velo, cannella in polvere ( facoltativo)
Guarnite con granella di pistacchio.
Ascoltate la musica e godetene fino all'ultima fetta. 


Abbiate la pazienza di aspettare, perchè le foto della "fetta" non sono state fatte a causa dell'eccessiva freschezza della Cassata. 
Pertanto vi chiedo di attendere l'anno nuovo. 
Giusto un paio di ore.

Proposito per il nuovo anno: avere pazienza.








23 commenti:

  1. bontà assoluta e...perfezione!!!

    RispondiElimina
  2. Mia cara,
    se domani sera non me ne fai trovare una fetta (ma anche due), ti faccio rifare il capodanno.
    Sappilo.

    RispondiElimina
  3. @ledina

    quando l'assaggi?


    @ciccia
    11 fette, ti bastano ?

    RispondiElimina
  4. Meraviglia!! Solo tu potevi celebrare così solennemente la classica, semplice, umile cassata al forno: non mi è mai sembrata una preparazione così importante. Mitica Vale!!
    Buon Anno!!!

    RispondiElimina
  5. Buon anno cara vale! Le tue ricette sono sempre una celebrazione...... come dice la tua amica!....ogni piccolo ingrediente diventa unico, ogni gesto quasi solenne: brava, brava!

    RispondiElimina
  6. @franci e vale

    carissime ragazze.. non potete capire che bontà.. me la mangio tutta se non me la tolgono davanti agli occhi..

    grazie a voi, per avermi accompagnato nel 2010..
    spero io possa rallegrarvi anche nel 2011..

    :**

    RispondiElimina
  7. La cassata al forno di Vale é un godimento assoluto:
    il sapore della frolla, della ricotta, delle lenticchie di cioccolatto, sono state sapientamente miscelate conferendo al dolce un gusto equilibrato e....idda é!!!!!!
    Vali come sempre ha fatto centro. Rifarai la torta per il mio compleanno?
    Marzia

    RispondiElimina
  8. BUON ANNO VALE!!!
    ti auguro il meglio! e anche di più!
    con grande affetto
    Giovanni
    ps questa ricetta è imperdibile! :P

    RispondiElimina
  9. Ma che brava! Io vado pazza per la cassata, al forno e non! Onestamente non so se avrò mai il coraggio di cimentarmi con la cassata... devo trovare il coraggio!

    RispondiElimina
  10. ...no ma poi voglio dire...io i Beatles li ascolto da quando ho 5 anni!!!! hai fatto centro, per me non potevi trovare connubio migliore! giuro che quando azzarderò la ricetta, la sparerò a tutto volume....;) grande!

    vale

    RispondiElimina
  11. @giovanna

    questa ricetta è tanto facile quanto stupida.. se leggi bene ci vogliono due attimi..
    se la fai avvertimi !
    :))
    dai !!!


    @gio
    se non avessi avuto la gastroenterite ACUTA. avrei incominciato meglio il 2011.. che sia un presagio che mi avverte di finirla con le ricette !


    @vale
    non devi azzardare, ti devi tranquillamente lanciare.. questa ricetta è troppo facile .. leggila bene:

    un pan di spagna,
    una frolla e la ricotta..

    e quindi ?!

    :**

    ps. beatles a gogo !

    RispondiElimina
  12. Ottima la ricetta, da provare!
    Ho letto il commento dove chiedevi consigli per cenare a roma...
    Io ti consiglio Checco er carrettiere a trastevere, assolutamente a cena che l'atmosfera trasteverina è indimenticabile... E nello specifico ti straconsiglio l'antipasto di verdure, i carciofi alla giudia e ovviamente i tonnarelli cacio e pepe...
    Meglio prenotare però.

    RispondiElimina
  13. Cara Vale,
    per l'aperitivo ti consiglio Campo dei fiori, che è una piazza molto suggestiva sia di giorno, quando c'è il mercato generale, sia di sera, illuminata ed animata dalla vita di tutti i localini che servono appunto cocktails e aperitivi...
    Poi se vuoi mangiare una zeppola di San Giuseppe fenomenale vai al Caffè Giolitti...occhio però alla ressa, quando ci siamo stati noi non c'era spazio per muoversi :(

    Anche la tua micia è irresistibile! ha un musino bellissimo.
    Io in realtà di gatti ne ho due, quello sul blog è Patatino ed è sordo, e poi c'è birba suo compagno inseparabile ma che ama meno le foto ;)

    Mi raccomando fammi sapere com'è andato il week end a Roma, e se hai bisogno di altri consigli io ci sono volentieri :)

    Buonanotte!
    C.

    RispondiElimina
  14. ecco, l'ho fatta! non ho resistito e malgrado i miei buoni propositi di stare a dieta dopo capodanno, l'ho fatta! ed è squisita. Grazie! posso permettermi di fare solo due piccole osservazioni? mi sarebbe piaciuto sapere di che grndezza dovesse essere la forma per fare il pan di spagna perchè il rischio è che venga troppo basso e che sia biscottata. e poi al mio forno a 220 era troppo, l'ho un pò sbruciacchiata e anzi l'ho spenta un pò prima. Forse sarebbe il caso di dire che ognuno si regoli sul proprio forno.
    comunque grazie è una ricetta che sognavo da una vita! ciao

    RispondiElimina
  15. @fabrizia

    allora per il pan di spagna non importa la grandezza, con 2-3 uova viene una pds basso basso.
    le quantità che indico io servono per un pds piccolo che va cmq sbriciolato, perchè sono le briciole a ricoprire la frolla, per evitare che si ammorbidisca a causa della ricotta.
    il forno gestiscilo tu, però che sono felice che tu la abbia fatta ? hai messo delle foto? ora corro a vedere il tuo blog..

    grazie e fammi sapere se la rifai..
    è il mio dolce preferito..

    vale

    RispondiElimina
  16. assolutamente uno sballo! è l'unica cassata che riesco a mangiare, l'altra, quella istituzionale non la guardo nemmeno di striscio
    :)
    *
    cla

    RispondiElimina
  17. domani provo a farla... UNA CASSATA AL FORNO NON L'AVEVO MAI SENTITA...

    ciao ho scoperto il tuo blog tramite quello di tinuccia (mollica di pane)complimenti!!

    visita anche tu il mio blog

    grazie mille

    RispondiElimina
  18. @cla

    per me il dolce più buono in assoluto, quella barocca è troppo troppo dolce..

    baciuzzi

    valuzza


    @maria consilia

    ho visitato il tuo giovanissimo blog, attendo i tuoi consigli da sommelier..
    la cassata al forno è una semplice goduria, facilissima da fare.
    leggi per bene le fasi..
    e vedrai..

    :))

    vale

    RispondiElimina
  19. la provo proprio oggi non vedo l'ora

    RispondiElimina
  20. @maria consilia

    proooova si dai e poi fai le fotine e me le fai vedere !!

    :)))

    RispondiElimina
  21. Ciao Vale, come promesso eccomi qui a visitare il tuo blog. Che ricette meravigliose. Io adoro la cassata al forno e la tua è splendida. Complimenti per le foto dei tuoi piatti, mi piacciono tantissimo

    RispondiElimina
  22. @roberta

    grazie per la sosta..
    da compaesana sarà mia cura invitarti spesso..
    ma per quale rivista|e lavori?

    vale

    RispondiElimina

commenta pure

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...